Clima Storia della Scienza | 1820 - 1930 | Fourier di Arrhenius

 Clima Scienza Scoperte: 1820 - 1930

Image Source  SKS CC3.0   |   Translatiion tedesco  Large or Small

 

 

Parte 1 di 3

200-anni della scoperta scientifica Circa i cambiamenti climatici

Adattato da L'articolo di John Mason a SkepticalScience.com

 

Negli anni venti dell'Ottocento in Francia, Jean Fourier stava studiando il comportamento del calore quando i suoi calcoli rivelarono che la terra non dovrebbe essere così calda come è. Cioè, la terra è troppo piccola e troppo lontana dal sole per essere calda e vivibile com'è. Di per sé, la radiazione solare non è sufficiente. Allora cosa stava riscaldando la terra? Mentre meditava su questa domanda, ha fornito alcuni suggerimenti. Tra questi c'è l'idea che l'energia termica del sole penetri nell'atmosfera terrestre e che una parte non stia tornando nello spazio. L'aria calda, sospettava, doveva agire come una specie di coperta isolante. Aveva descritto quello che ora è comunemente noto come effetto serra. Fourier è stato il primo a farlo.

Negli anni 1820, Fourier non aveva la tecnologia per effettuare le misurazioni necessarie per esplorare la sua ipotesi. Decenni dopo, lo storico naturale del Victoria, John Tyndall, portò una nuova prospettiva alla domanda e al suggerimento di Fourier. Come appassionato alpinista, Tyndall ha osservato prove di cambiamenti indotti dal clima nelle calotte polari e ha condotto esperimenti per misurare le proprietà che intrappolano il calore. Ciò ha portato alla sua scoperta che il vapore acqueo e l'anidride carbonica sono efficaci nell'intrappolare il calore.

Le intuizioni di Tyndall hanno catturato l'interesse di uno scienziato svedese. Svante Arrhenius ha scoperto che la temperatura della terra non è regolata dal vapore acqueo perché ricicla rapidamente dentro e fuori l'atmosfera. Piuttosto, ha visto che l'anidride carbonica regola direttamente la temperatura poiché è un residente di lunga durata dell'atmosfera che cambia relativamente lentamente nel tempo.

Mentre Arrhenius esplorava questi problemi, ha lavorato con il suo collega Arvid Hogbom, un geologo svedese che studiava i cicli naturali dell'anidride carbonica. Hogbom l'aveva scoperto CO2 le emissioni delle fabbriche di carbone erano simili alle emissioni di alcune fonti naturali. I due ricercatori hanno chiesto cosa accadrebbe se le emissioni da fonti umane aumentassero e si accumulassero nel corso dei secoli. Arrhenius ha calcolato che raddoppiando la concentrazione di CO2 nell'atmosfera aumenterebbe la temperatura media globale da 5 a 6 ° C. La sua conclusione è stata contestata e non accettata. La conferma richiederebbe decenni.

>> Parte 2

 

 

Serie completa

 

CO2.Terra  Parte 1: 1820 - 1930 | Fourier di Arrhenius  [SKS 1]

CO2.Terra  Parte 2: 1931 - 1965 | Hulburt a Keeling  [SKS 2]

CO2.Terra  Parte 3: 1966 - 2012 | Manabe ai giorni nostri  [SKS 3]

SKS  Storia della scienza del clima (1820 ai giorni nostri | Versione lunga)

 

Leggi Anche

 

AIP  Weart | La scoperta del riscaldamento globale (servizio di prenotazione online)

CO2.Terra  Weart | La scoperta del riscaldamento globale